Contenuto principale

Messaggio di avviso

Note di lettura
L’opuscolo pubblicato si presenta in maniera molto semplice: si ritrova una breve frase introduttiva per poi passare a un elenco di fotografie e dati personali dei Caduti del territorio di Galbiate nella Prima Guerra Mondiale e nella conquista coloniale della Libia.
Non essendoci frontespizio o alcuna indicazione della data di stampa non è possibile datare con certezza il libretto. Per quanto a una prima occhiata il documento possa apparire relativamente scarno, con le giuste attenzioni rivela molti particolari significativi: si può osservare ad esempio, nonostante il campione statistico non risulti molto ampio, come fossero numerosi i morti per malattia, tema dibattuto e caratteristico del conflitto, per lo più concentrati sul termine della guerra, forse periti per l’Influenza Spagnola.
Altra caratteristica di rilievo il grado militare dei defunti, nella stragrande maggioranza soldati, graduati di truppa e un solo ufficiale di livello non elevato, a testimonianza della grande disparità di situazione che si riscontrava tra la base del regio esercito e i vertici che lo comandavano.
Infine, la funzione più umana attribuibile oggi a questo volume è quella di dare un volto, un nome e un cognome ai Caduti di una guerra ormai distante un secolo che non deve essere dimenticata. Il dramma, le sofferenze e l’immane tragedia di un evento tanto carico di morte, rimangono vivi nelle pagine piene di fotografie di individui che persero la vita in luoghi lontani e in circostanze tanto drammatiche.

                                                                                                                            Alessandro Ghioni

L’Amministrazione Comunale di Galbiate ha fatto quanto possibile per rintracciare i detentori dei diritti delle immagini contenute nella presente pubblicazione.
Rimane comunque a disposizione degli eventuali detentori dei diritti che non sia stato possibile rintracciare.

Clicca qui per scaricare l'opuscolo