Contenuto principale

Messaggio di avviso

Si avvisano i cittadini residenti all'estero che, in sede di conversione del Decreto Legge 47/2014, la Legge 80/2014 ha introdotto l'art. 9-bis che elimina dall’anno 2014 la facoltà per il Comune di assimilare ad abitazione principale l'abitazione posseduta dai cittadini italiani iscritti all'Anagrafe degli Italiani residenti all'Estero (A.I.R.E.), a titolo di proprietà o di usufrutto, con conseguente perdita dell'esenzione dall'IMU.

Pertanto questi ultimi dovranno pagare l'IMU sulla casa in Italia, in quanto considerata abitazione diversa dalla "prima casa".

A partire dall'anno 2015 è considerata direttamente adibita ad abitazione principale (quindi esente dall’IMU ma assoggettata a TASI) una ed una sola unità immobiliare posseduta dai cittadini italiani non residenti nel territorio dello Stato e iscritti all'Anagrafe degli italiani residenti all'estero (AIRE), già pensionati nei rispettivi Paesi di residenza, a titolo di proprietà o di usufrutto in Italia, a condizione che non risulti locata o data in comodato d'uso.

A decorrere dall'anno 2016 la sola unità immobiliare posseduta dai cittadini AIRE, già pensionati nei rispettivi Paesi di residenza, a titolo di proprietà o di usufrutto in Italia (a condizione che non risulti locata o data in comodato d'uso) è considerata abitazione principale, quindi esente sia dall’IMU che dalla TASI.